My Shopping

Arabica e robusta sono due delle miscele più conosciute ed utilizzate dagli amanti del caffè, molto diverse sia dal punto di vista della composizione che del gusto. Ma cosa le caratterizza? Andiamo a scoprire nel dettaglio cosa c'è alla base delle due miscele. 

Arabica e robusta

Iniziamo con la miscela robusta, solitamente caratterizzata da un gusto più intenso e corposo e contenente una percentuale di caffeina tra il 2 ed il 3,5%. I suoi chicchi hanno una forma più arrotondata ed un solco netto al centro. Si tratta della seconda miscela più prodotta al mondo e deve il suo nome alla resistenza dimostrata negli anni a malattie o parassiti, grazie anche alle sue grandi capacità di adattamento alle temperature. La robusta è preferita dagli amanti del caffè "forte", quello che continua a sentirsi anche diversi minuti dopo averlo assaporato. 

Tutt'altra storia con l'arabica, molto più soft dal punto di vista della caffeina (tra lo 0,8 e l'1,5%) e caratterizzata da un gusto più delicato e morbido con un una punta di acido, ma anche leggermente dolce. È di gran lunga la miscela più prodotta e pregiata al mondo, ma anche decisamente più delicata rispetto alla robusta, in quanto cresce e si sviluppa rigogliosa solo con temperature non superiori ai 20°. I suoi chicchi hanno un colore giallo / verdino ed una forma più frastagliata. È la miscela ideale per chi ha problemi di ipertensione o difficoltà a prendere sonno.

Tags: miscele caffè